Obiettivo del progetto è affrontare le problematiche legate all’attuale limitata diffusione delle modalità di spostamento sostenibile delle persone, in particolare il trasporto pubblico urbano ed extra-urbano su gomma e su ferro, carsharing, carpooling, bicicletta e bikesharing.

Tale limite è legato principalmente ai seguenti aspetti: scarsa diffusione e difficile accessibilità alle informazioni aggiornate e complete sui servizi di mobilità, difficoltà d’utilizzo delle diverse modalità di trasporto sostenibile in modalità integrata, elevata propensione delle persone all’uso dell’auto privata.

Sulla base di tali criticità il progetto si focalizza sulla diffusione di strumenti tecnologici innovativi per un’efficace comunicazione verso l’utenza sullo stato dei servizi, anche in tempo reale, e per agevolare l’utente nell’uso dei servizi anche in modalità integrata. Ha inoltre come obiettivo lo sviluppo di processi di persuasione dell’utente verso la mobilità sostenibile, il monitoraggio dello stato dei sistemi di trasporto collettivo e il supporto alla gestione dei mezzi di trasporto.

Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Elettronica in collaborazione con CIREM

Imprese coinvolte: ARST, ASPO Olbia, ATP Sassari, Autolinee Baire, Autolinee Mereu, CTM, Fondazione Sviluppo Sostenibile, Mlab, PlayCar, PUSH (progetto MIUR TraffiCO2), Sardinia Biking, Zetesis

In questo progetto vale il principio della “porta aperta”: in ogni momento nuove imprese possono segnalare il loro interesse a entrare a far parte del cluster.

Progetto finanziato su fondi POR Sardegna FESR 2014-2020 – Asse I “Ricerca Scientifica, Sviluppo e Innovazione” nell’ambito del bando “Azioni Cluster top-down” emanato da Sardegna Ricerche.

Contatti:
Luigi Atzori
Mail: l.atzori@diee.unica.it
Telefono: 070/675-5902